L’isola di Limnos nel Mar Egeo

La piccola isola di Limnos, in italiano chiamata anche Lemno o Lemnos, si trova nell’Egeo nordorientale, in una posizione strategica che in tempi antichi era il crocevia di numerose rotte marine. Dopo essere stata anche un importante centro militare, ora Limnos è un’isola tranquilla e poco affollata, dall’ambiente rilassato, al di fuori dei circuiti turistici abituali e quindi ideale per chi cerca luoghi pacifici dove entrare direttamente in contatto con l’ospitalità dei suoi abitanti.

Limnos in Grecia.

Di origine vulcanica, secondo la mitologia greca quest’isola era la casa di Efesto, dio del fuoco che qui aveva la sua fucina ed insegnava l’arte della lavorazione del ferro, mestiere artiginale ancora praticato. Limnos è caratterizzata da due grandi baie, quella di Mudros a sud e quella di Purnias, più piccola, a nord; tra di esse una varietà incredibile di paesaggi, con insenature, piccoli porti di pescatori e spiagge di sabbia bianca. L’interno è abbastanza pianeggiante, con alcune colline ricoperte di arbusti mediterranei; non mancano laghi e zone umide, abitate in particolare da fenicotteri ed altri uccelli migratori.

Il capoluogo di Limnos è Myrina, cittadina che si trova tra le due baie, ai piedi del castello sulla cima di una collina. Conserva ancora lo stile di vita del passato, con le sue stradine lastricate e le botteghe artigianali, che si alternano tra taverne ed edifici tradizionali con i balconi in legno. Qui possiamo ammirare il castello bizantino, l’antico complesso urbano sulla cima di uno sperone di roccia che sporge sulla costa, dove si ha una splendida vista sui dintorni e non è difficile incontrare i cervi selvatici del luogo che vagano tranquilli.

Tra gli altri posti da vedere in giro dei dintorni ci sono le eleganti case in stile neoclassico degli antichi armatori, il porto peschereccio, la spiaggia di Maditos a sud e quelle di Romeikos Gialos e Richa Nera a nord, tranquille e dalle acque poco profonde, adatte anche ai più piccoli.

Merita il nostro tempo ed il nostro interesse anche una visita al Museo Archeologico locale, che espone pezzi provenienti da diverse parti dell’isola: tra gli oggetti esposti più particolari ci sono le lampade votive a forma di sirena. Su Limnos c’è ancora molto da scoprire, intanto possiamo deliziarci con la prelibata gastronomia del luogo che comprende confetture di fichi, il miele di timo di Skandali, i formaggi kalathaki e melihloro ed il vino locale Kalambaki.